“SS 106 DIVENGA PRIORITÀ NELL’AGENDA DELLE OPERE”

Difficile dover, per l’ennesima volta, esprimere cordoglio e profondo dispiacere al pensiero che nuovamente, purtroppo, diverse vite siano state spezzate sulla statale 106. Anche perché le parole restano tali mentre il dolore di intere famiglie perdura e non è facile venga lenito. Ci troviamo, con una drammatica conta, a registrare un elenco sempre più lungo delle vittime di un tragitto di oltre 400 chilometri altamente pericoloso e che non ha ricevuto la dovuta attenzione, con tragiche ricadute in termini di perdite umane. Ma non si può più aspettare, non si deve temporeggiare ulteriormente. E’ urgente agire in termini di interventi di sicurezza e stimolare chiunque, a livello nazionale, possa attuare un piano efficace ed efficiente, fare fruttare in maniera adeguata i fondi stanziati e utilizzarli subito e bene, accelerare un ammodernamento dal quale il tratto calabrese è stato in gran parte escluso. Al netto di un appello alla prudenza, è lapalissiano che la maggioranza degli incidenti che le cronache riportano siano comunque collegati alle particolari condizioni dell’arteria ed è proprio per questo che continuerò ad essere da stimolo verso il governo, nella fattispecie il viceministro alle infrastrutture Alessandro Morelli, affinché la 106 divenga una priorità nell’agenda delle opere sia per l’incolumità dei calabresi che la percorrono, sia perché lo sviluppo e la crescita dei territori devono necessariamente passare da collegamenti che rispondano a determinate caratteristiche.

(https://www.strill.it/citta/reggio/2021/08/minasi-lega-ss-106-divenga-priorita-nellagenda-delle-opere/?fbclid=IwAR2mKZV1AmRlh8yMHHWhxrKgtQ9wj68PIbnDmpL_n1Jmazw7zAH2V_KecDE)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *